In Edicola:



Scarica il brano bonus

Amadeus su ezpress


I Nostri Partner:














Tre ospiti italiani al Festival de La Roque d'Anthéron

I pianisti Enrico Pace, Sandro De Palma, Antonio Piricone saranno tra i protagonisti della XXV edizione che si tiene dal dal 22 luglio al 24 agosto 2005


I pianisti Sandro De Palma (a sinistra), Enrico Pace (al centro) e Antonio Piricone (foto di Salvatore Messina)
>> Altre foto legate alla notizia.

 


(Comunicato Stampa)

Festival International de Piano de La Roque d'Anthéron
XXV edizione dal 22 luglio al 24 agosto 2005
87 concerti attraverso i parchi della Provenza per festeggiare il venticinquennale del Festival de Piano

A La Roque d'Anthéron, a pochi chilometri da Aix-en-Provence, si terrà dal 22 luglio al 24 agosto 2005 la XXV edizione del Festival International de Piano.

Presieduto dall'imprenditore italo-francese Paul Onoratini e curato da René Martin - direttore artistico anche del Festival La Folle Journée di Nantes, "esportato" in Spagna, Portogallo e Giappone, il Festival provenzale rappresenta un appuntamento irrinunciabile per tutto il mondo pianistico. I più grandi interpreti internazionali si esibiscono sulla scena del Parco di Florans, un auditorium naturale dove, come per incanto, la musica prende il sopravvento. Con un programma di qualità che si estende dal repertorio barocco alla musica contemporanea, e che si apre anche al jazz e alla musica elettronica, il Festival de Piano de La Roque d'Anthéron riunisce i più grandi interpreti del pianoforte, del clavicembalo e alcune delle più importanti orchestre del mondo: 87 appuntamenti - e per le "Nuits du piano" 3 al giorno - di concerti e recital per pianoforte, di musica da camera e sinfonica.

Massiccia inoltre la presenza della stampa francese e internazionale, come France 3, France Musiques, Canal Plus, France Inter, RAI tv e radio, ARTE.

Il Festival, ritrovo di artisti affermati e nuovi talenti, seguito da un pubblico appassionato e numeroso - l'anno scorso sono state registrate 72.000 presenze - sceglie per i suoi concerti alcuni tra i più incantevoli luoghi storico-naturalistici della Provenza e della Camargue. Così i concerti si tengono nella sede del Festival, il Parco del Castello di Florans, tra sequoie e platani maestosi e centenari, o nei dintorni di La Roque, nel chiostro della cistercense abbazia di Silvacane, nelle antiche e scenografiche cave di pietra di Rognes, nella Chiesa protestante di Lourmarin o sulle sponde del Lago des Aulnes verso la Camargue.

Per questa speciale edizione, in occasione del venticinquennale, si esibiranno, a La Roque d'Anthéron, i più grandi interpreti della scena internazionale, come Leif Ove Andsnes (24/07), Lars Vogt (28/07 e 31/07) , Boris Berezovsky (2/08, 23/08 e 24/08), Stephen Hough (8/08), Nikolaï Lugansky (30/07), Nelson Freire (6/08) e Marta Argerich (29/07), Christian Zacharias e l'Orchestre de Chambre de Lausanne (19/08, 20/08, 21/08), l'Orchestra Nazionale della Galizia (3/08 e 4/08), il coro berlinese RIAS-Kammerchor (13/08 e 14/08), il "gruppo dei sei", habitué del Festival de Piano, Nicholas Agelich, Jean-Efflam Bavouzet, Frank Braley, Claire Désert Guy e Emmanuel Strosser, magistrali interpreti delle 32 Sonate di Beethoven (17/08,18/08).

Va segnalata la partecipazione degli italiani Enrico Pace, (25/07), Sandro De Palma (13/08), Antonio Piricone (20/08). Rispettivamente di Rimini, Napoli, Catania, i pianisti Pace, De Palma e Piricone, vincitori di prestigiosi premi e acclamati da critica e pubblico internazionali, sono tra gli interpreti italiani più originali e interessanti delle ultime generazioni.

Uno spazio di prim'ordine è riservato alle integrali:
- i Trii per violino, violoncello e pianoforte di Beethoven (11/08, 12/08, 13/08)
- le 32 Sonate di Beethoven (17/08, 18/08)
- i concerti per pianoforte di Beethoven (19/08, 20/08, 21/08)
- i concerti per pianoforte di Rachmaninov (23/08, 24/08)

Il Festival non si limita ad una parata di stelle ma è anche trampolino di lancio di giovani artisti, tra i quali François-Xavier Poizat, Valentina Igoshina, Ilia Rachkovski, Jonas Vitaud, Siheng Song, che promuove offrendo loro la possibilità di esibirsi in concerti pomeridiani (ore 16,00 e 18,00). Il Festival de Piano inoltre organizza, dall'8 al 14 agosto, per il ciclo "Ensembles en résidence", master-classes, a conclusione delle quali i partecipanti si esibiranno in concerti di musica da camera a La Roque d'Anthéron e nei paesi limitrofi.

L'apertura al jazz è rappresentata dalla presenza dei grandi artisti della scena internazionale Brad Mehldau (23/07) e Charlie Haden (26/07), ma anche da giovani promesse, come il gruppo EST (25/07) o il Bojan Z Trio (27/07) che, capeggiato da Bojan Zulfikarpasic, originario di Belgrado e residente in Francia, si è già fatto apprezzare a livello europeo per lo stile originale e accattivante.

Tariffe e modalità di prenotazione e di acquisto dei biglietti:
Tariffe da 14 a 49 euro
Informazioni e prenotazioni a partire dal mese di maggio:
Tel. : 0033 (0)4 42 50 51 15
Fax : 0033 (0)4 42 50 46 95
Possibilità di acquisto per internet: http://www.festival-piano.com/


Festival International de Piano de La Roque d'Anthéron
Parc de Florans, F-13640 La Roque d'Anthéron;
tel 0033 4 42505115; fax 0033 4 42504695
info@festival-piano.com

BIOGRAFIE DEGLI ARTISTI ITALIANI
Sandro De Palma
Sandro De Palma è considerato "una delle più qualificate ed originali espressioni del concertismo italiano"; la critica ne sottolinea costantemente la speciale attitudine a porre "prestigiose possibilità strumentali al servizio di una visione interpretativa personale e approfondita che ha il proprio cardine in una poetica ricerca sonora".
Nato a Napoli, allievo di Massimo Bertucci e Vincenzo Vitale, perfezionatosi successivamente con Nikita Magaloff e Piero Rattalino, ha debuttato a soli nove anni in concerto con un programma di musiche di Bach, Chopin e Schubert.
Vincitore a 19 anni del Concorso Internazionale "Alfredo Casella", ha vinto due anni dopo il Primo Premio della "Fondazione Bruce Hungerford" di New York e si è affermato in altri Concorsi internazionali (Primo classificato al Concorso Clara Haskil di Montreux, Terzo al Concorso Ciani di Milano).
Nel 1993 ha interrotto l'attività concertistica per seguire un intenso corso di studi con Alice Kezeradze-Pogorelich.
Nel 1983 si è imposto all'attenzione della critica al 20° Festival Internazionale di Brescia e Bergamo con l'esecuzione dei 24 Studi di Chopin.
Sandro De Palma ha tenuto concerti in tutta Europa e tournée negli U.S.A., in Russia, Ungheria, Germania, Cecoslovacchia, Austria, Romania, Francia, Svizzera, Belgio, Spagna, Portogallo, Lussemburgo, Inghilterra, Messico.
Ha suonato al Festival "Arturo Benedetti Michelangeli" di Brescia, a Ravenna Festival, a Settembre Musica, al Festival di Coimbra, al Festival di Lubjana ecc.
Ha suonato con direttori quali Yuri Ahronovich, Inuchi Hirokami, Peter Maag, Donato Renzetti, Yoram David ecc.
Intensa la sua attività di musica da camera in particolare in duo con i violinisti Ilja Grubert, Boris Belkin, Pierre Hommage.
Collabora con il violista Toby Hofmann, con il clarinettista Wenzel Fuchs e con i fiati e il quartetto Timm dei Berliner Philarmoniker, con l'Ensemble Wien ecc.
Nel febbraio 1998 De Palma ha debuttato con grande successo alla Wigmore Hall di Londra dove è stato subito reinvitato nel 1999. Nel gennaio 2000 ha eseguito il concerto n. 1 di Franz Liszt con la Filarmonica di San Pietroburgo e nel 2002 ha effettuato la sua prima tournée in Giappone.
Nel febbraio 2004 ha eseguito con grande successo il Quintetto di Franck alla Filarmonica di Berlino con il Quartetto Amarcorde e sempre con gli archi della prestigiosa orchestra ha realizzato una tournée con il Primo Concerto per pianoforte e tromba di Shostakovich.
Nel gennaio 2005 De Palma ha partecipato con grande successo alla "Folle journée" di Nantes, manifestazione ideata da René Martin che lo ha subito invitato al prestigioso festival pianistico "La Roque d'Anteron".
Sandro De Palma ha registrato il suo primo disco con musiche di Liszt all'età di sedici anni e ha partecipato alla prima registrazione mondiale del Gradus ad Parnassum di Muzio Clementi per la Fonit Cetra, registrazione che ha ottenuto il 20° Premio della Critica discografica Italiana. Ha inoltre inciso musiche di Brahms e Cilea.
Le sue prossime incisioni prevedono un CD con musiche di Clementi, Moscheles e Hummel.
Sandro De Palma è attualmente direttore artistico del Festival "Maggio della Musica" di Napoli e Presidente dell'Associazione "Muzio Clementi" di Roma.

Enrico Pace
Enrico Pace è nato a Rimini nel 1967. Ha studiato pianoforte con Franco Scala, prima al Conservatorio Rossini di Pesaro e, successivamente, all'Accademia Pianistica di Imola. Ha inoltre studiato direzione d'orchestra e composizione.
La sua carriera ha avuto una svolta decisiva nel 1987 con la vittoria del Primo Premio al Concorso Internazionale Yamaha di Stresa e, due anni dopo, al Concorso Internazionale Franz Liszt di Utrecht. Da allora Enrico Pace si è esibito regolarmente in recital in tutta Europa, includendo apparizioni al Concertgebouw di Amsterdam, a Milano (Sala Verdi del Conservatorio e Teatro alla Scala), Roma, Brescia/Bergamo, Firenze, Berlino, Monaco di Baviera, Dortmund, Dublino e in varie città del Sud America. Partecipa regolarmente ai festival di La Roque d'Anthéron, Rheingau e Husum.
Solista molto apprezzato, ha suonato con orchestre prestigiose, tra cui l'Orchestra Filarmonica di Rotterdam, l'Orchestra Filarmonica della Radio Olandese, le Orchestre Sinfoniche di Sydney e Melbourne (come parte di una tournée in Australia e Nuova Zelanda), la Berliner Sinfonie-Orchester, MDR-Sinfonieorchester Leipzig, l'Orchestra Filarmonica di Varsavia (sostituendo Marta Argerich in una serie di concerti di grande successo in Svizzera e Italia), l'Orchestra Filarmonica Ceca di Stato di Brno, l'Orchestra Sinfonica di Malmö, la RTE National Symphony Orchestra, l'Orchestra Sinfonica G. Verdi di Milano, Amsterdam Sinfonietta, la Gelders Orchestra e le Orchestre di Johannesburg e Cape Town.
Ha collaborato, fra gli altri, con i seguenti direttori: Roberto Benzi, Andrei Boreyko, Mark Elder, Janos Fürst, Juniki Hirokami, Eliahu Inbal, Jan Latham-Koenig, Kazimirz Kord, Jiri Kout, Alexander Liebreich, Gianandrea Noseda, Vassily Sinaisky, Stanislaw Skrowaczewski, Bruno Weil e Antoni Wit.
I recenti successi comprendono il suo felice debutto con i Münchner Philharmoniker diretti da Yakov Kreizberg, Bamberger Symphoniker e Walter Weller e la BBC Philharmonic Orchestra diretta da Gianandrea Noseda.
Agli impegni solistici Enrico Pace affianca un'intensa attività cameristica: ha collaborato con il Quartetto Shostakovich, Quartetto Keller, Quartetto RTE Vanbrugh, Quartetto Prometeo e la cornista Marie Luise Neunecker. Ha preso parte a vari festival di Musica da Camera quali Delft, Ris¿r in Norvegia, Rheingau in Germania, Kuhmo in Finlandia, West Cork in Irlanda, Stresa e Lucerna.
Dalla stagione 1997-98 Enrico Pace ha instaurato un'assidua collaborazione con il violinista Frank Peter Zimmermann, con il quale ha dato recital in Europa, Estremo Oriente e Sud America.

Antonio Piricone
Antonio Piricone, nato nel 1977 in Germania, a Bingen am Rheim, da genitori catanesi, appartiene alla più recente generazione di musicisti italiani.
La versatilità, il senso dello stile, le sue qualità tecniche, lo rendono attivo entrambi, come solista e come camerista, su pianoforte moderno e come esponente sugli strumenti storici a tastiera. La poliedricità di questo giovane interprete che caratterizza il suo approccio alla musica, lo presenta all'audience come uno dei più interessanti ed emozionanti interpreti della sua generazione, imponendolo, con sempre maggior rilievo, al panorama internazionale.
Dopo gli iniziali studi a Catania, Antonio Piricone, si forma frequentando gli stage pianistici e di musica da camera tenuti da Bruno Canino, Chantal de Buchy, Andrzej Jasinsky, e seguendo, per ultimo, gli insegnamenti di Andreas Staier sugli strumenti storici da tasto. I riconoscimenti ottenuti lo hanno portato ad esibirsi presso le maggiori istituzioni musicali, festivals e società concertistiche, al fianco di importanti orchestre, gruppi, cantanti, solisti e direttori, in Europa e in Giappone, ottenendo pieni consensi di critica e pubblico: Teatro Massimo Bellini di Catania, Teatro Alighieri di Ravenna, Prague Spring International Music Festival, Dvořak Hall di Praga, Prinzregentetheater di Monaco di Baviera, Philharmonic Hall di Liverpool, De Vereeniging Concertgebouw Nijmegen e Vredenburg Muziek Centrum Utrecht in Olanda, Offerta Musicale Ensemble, Munich Symphony Orchestra, Aargau Symphony Orchestra, Czech Chamber Philharmonic, etc..
Ha registrato per il circuito internazionale della RAI-Radio Televisione Italiana e per la Radio Televisione Céca; i suoi dischi sono stati trasmessi dalla Radio Vaticana, RadioTRE Suite, Radio di Baviera, Radio France, Classic FM britannica, BBC-Radio3. La sua crescente discografia comprende, tra l'altro, l'incisione dell'integrale delle Englische Suiten di J.S. Bach (Classico Records, 1998/9); l'album contenente la prima registrazione su pianoforte moderno dell'integrale delle Sei Sonate per il Cembalo solo di Georg Anton Benda (Classico Records, 2003), che insieme alle Suites Inglesi ha suscitato e riscontrato, sin dalla pubblicazione, grande interesse dalla critica internazionale; la registrazione live, che ha marcato il suo debutto britannico nell'Ottobre del 2001, del Concerto for two Pianos and Orchestra op.104 di Sir Malcolm Arnold, (con Martin Roscoe e la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra); compositore di cui, per la ricorrenza dell'ottantesimo anniversario nello stesso anno, ha presentato programmi interamente dedicati alla sua musica in Italia, Germania, Repubblica Céca.
La stagione appena trascorsa ha visto Antonio impegnato nella la prima esecuzione europea del Concerto for Piano di Howard Hanson, nel debutto giapponese con la prima esecuzione asiatica del Concerto for Piano and Wind di Edward Gregson insieme alla Tokyo Kosei Wind Orchestra al Metropolitan Art Space di Tokyo, e in un progetto con i concerti multipli per più clavicembali di J.S. Bach con Ton Koopman in Olanda. I prossimi impegni prevedono, oltre che a diversi recitals e progetti di musica da camera, i lavori per pianoforte e orchestra di G.A. Benda e A. Honegger con la Czech Chmaber Philharmonic, un tour giapponese nella primavera 2005 come recitalista, camerista e come solista con la Sendai Philharmonic Orcherstra, il debutto americano al Berkeley Festival - California, la prima esecuzione olandese del Concerto for Piano and Wind di Edward Gregson al Festival Internazionale di Kerkrade - suonato anche in prima esecuzione in Germania e Svizzera (2001).
La ricerca estetica e la pratica filologica sono una costante sorgente di ispirazione per Antonio Piricone che, nei programmi di volta in volta proposti, presenta spesso repertorio poco noto e inusuale con lo scopo di avvicinare il pubblico a pagine musicali dimenticate o inedite, e mostrando un forte interesse oltre che per il repertorio tradizionale, tramite un fresco approccio alla riproposta dei classici, anche per il linguaggio musicale contemporaneo, proponendo prime esecuzioni di Musica Nuova. Antonio Piricone vive attualmente in Olanda, dove incentra la sua ricerca musicale sullo sviluppo, l'evoluzione storica degli strumenti a tastiere e la prassi esecutiva antica con Jacques Ogg, Patrick Ayrton, Stanley Hoogland e Bart van Oort al Conservatorio Reale dell'Aia (NL) e con Andreas Staier a Colonia (D).
www.piricone.com

News inserita il 25-05-2005.

Altre foto legate all'argomento:

Il pianista Sandro De Palma Il pianista Enrico Pace
Il pianista Antonio Piricone (foto di Salvatore Messina)




© Amadeusonline
Pubblicazione periodica telematica registrata presso
il Tribunale di Milano il 9/5/2005 con il n.352

Redazione: via Alberto Mario 20 - 20149 Milano
Tel. 02.4816353 - Fax 02.4818968
Mail: news@amadeusonline.net
Direttore responsabile: Riccardo Santangelo

Proprietario ed editore: Paragon s.r.l.
via Alberto Mario 20 - 20149 Milano
P.iva 06844250156 - Reg. Imp. Milano n. 221450/6030/50
Cap. Soc. 10.400 € i.v.
Provider: Infocom Group s.r.l.

Tutti i marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
© Tutto il materiale pubblicato su amadeusonline.net è di esclusiva proprietà della società Paragon s.r.l. ed è coperto da Copyright internazionale. Ne è consentito l'utilizzo a patto che se ne richieda l'autorizzazione e se ne citi la fonte. È severamente vietato per qualsiasi portale internet, o rivista cartacea, riprodurre qualsivoglia notizia e foto pubblicata da amadeusonline.net. I trasgressori saranno denunciati e ne risponderanno in base alle normative vigenti.

Le immagini presenti sul sito provengono da internet oppure dagli uffici stampa, e si ritengono di libero utilizzo. Se è stata pubblicata un'immagine protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattarci scrivendo a news@amadeusonline.net: l'immagine sarà rimossa oppure accompagnata dalla firma dell'autore.

Le Rubriche di AmadeusOnline:
Musica&Terapia

Contemporanea

Prima Fila

Calendario

I CD 5 STELLE DI AMADEUS

Premio Amadeus

Speaker's Corner

Galleria

I Nostri Sponsor: