Amadeus

Il mensile della grande musica

 

Un grande successo editoriale

Amadeus nasce nel 1989, e per il settore della stampa specializzata è subito un successo editoriale senza precedenti. La formula di utilizzare il cd come allegato a un periodico dedicato alla musica fu molto apprezzata dai lettori e dai collezionisti.

 

Tra storia e attualita'

A collaborare con il mensile, guidato da Gaetano Santangelo (allora direttore editoriale e dal 2007 direttore responsabile) e Duilio Courir (direttore artistico e culturale sino al 2007), furono chiamati i più noti e autorevoli critici musicali, studiosi e musicologi italiani e internazionali, ai quali fu richiesto esplicitamente di trattare la materia con un linguaggio accessibile, ma scientificamente corretto.

Si cercò di valorizzare, con grande attenzione, uno stretto legame tra gli argomenti trattati nella rivista e le opere proposte nel cd in modo che il lettore si abituasse a non limitarsi all’ascolto, ma fosse indotto all’approfondimento dell’opera.

 

Gli "Speciali"

Nel 1991 nacque la collana parallela “Speciale Amadeus”. Il primo numero fu dedicato a una nuova registrazione dell’Estro armonico di Vivaldi e il successo fu sorprendente. Seguirono “Amadeus Lirica”, “Amadeus Profili”, “Amadeus Elite” e “Amadeus Rainbow”. Grande interesse suscitò anche la pubblicazione di “Amadeus Scuola”. Nel 1997 è stato inoltre istituito il “Premio del disco” che si rinnova ogni anno premiando le migliori produzioni discografiche internazionali.

 

Rinnovarsi nella continuità'

A più di venticinque anni di distanza la rivista, interamente rinnovata nella veste grafica, ha mantenuto inalterate autorevolezza, capacità divulgativa, attenzione all’attualità giornalistica e rigore scientifico, proponendo con i proprio cd inediti ai lettori anche un repertorio spesso trascurato dalla discografia ufficiale e dalle programmazioni delle società concertistiche, eppure di estremo interesse musicale. A realizzare questo progetto sono stati chiamati grandi interpreti, orchestre e ensemble di fama accanto a talenti emergenti della scena musicale italiana e internazionale.

 

Pionieri e leader

Amadeus oggi è il più diffuso e autorevole mensile di musica, non a caso l’unico periodico di settore presente nella Biblioteca Vaticana. Tutti i numeri di Amadeus sono anche tradotti mensilmente in caratteri Braille per l’Istituto dei Ciechi.

 

Da Darp a Bel Vivere

Nato nel dicembre 1989 come prima testata periodica della Joint venture De Agostini-Rizzoli Periodici, nell’agosto 2005 Amadeus passa all’editore De Agostini Periodici e nel luglio 2007 a Paragon Edizioni s.r.l.. Dal novembre 2015 Paragon Edizioni s.r.l. è confluita in Bel Vivere s.r.l., nuovo polo editoriale di Cose Belle d’Italia.

www.cosebelleditalia.com